Racconti di Scienza

comune sesto fiorentino

Il concorso per gli studenti delle scuole superiori di Sesto Fiorentino

Racconti di Scienza è un concorso scientifico–letterario e grafico dedicato alla figura di Sara Lapi. Il concorso, giunto alla sua V edizione, è aperto a tutti gli studenti delle scuole superiori di Sesto Fiorentino, con la finalità di promuovere nei giovani la consapevolezza che la cultura scientifica e quella umanistica possono offrire reciproci apporti, nell’ottica di una formazione personale aperta, unitaria, pronta al confronto e disponibile ai collegamenti.
Il concorso è organizzato in stretta collaborazione con l'Associazione Amici di Sara Lapi ed è dedicato alla sua memoria.
Sara, recentemente scomparsa, era ingegnere biomedico e consigliera comunale delegata al trasferimento tecnologico, Università, Ricerca e Smart City.
Ogni anno viene individuato un tema al quale i partecipanti si devono ispirare per la composizione di un racconto o di un disegno.

Il tema di questa edizione è l'evoluzione.

Quando si riflette sul problema dell’origine delle specie, […] si può concludere che ogni specie non è stata creata indipendentemente dalle altre, bensì discende, come le varietà, da altre specie.
(Charles Darwin)

Secondo L’origine delle specie di Darwin, non è il più intelligente della specie a sopravvivere, non è il più forte, ma quella che sopravvive è la specie capace di adattarsi e adeguarsi ai cambiamenti dell’ambiente nel quale si trova. (Megginson)

La storia dell’evoluzione insegna che l’universo non ha mai smesso di essere creativo o “inventivo”.
(Karl Popper e John Eccles)

Quando, nel lontano 1859, Charles Darwin (Shrewsbury, 12 febbraio 1809 – Londra, 19 aprile 1882) pubblicò la sua opera fondamentale, L’origine delle specie, il clamore suscitato dalla teoria da lui elaborata fu enorme, al punto che la prima edizione del libro si esaurì in un giorno.
La selezione naturale è per Darwin la molla che conduce all’evoluzione delle specie viventi, attraverso meccanismi di casualità che introducono piccoli, graduali cambiamenti nelle caratteristiche delle specie. I mutamenti positivi, cioè quelli che contribuiscono a una maggiore sopravvivenza dell’individuo, si trasmettono alle generazioni successive, che quindi lentamente subiscono un’ inevitabile evoluzione.
Sopravvive e vince, nella dura lotta per la vita, chi detiene caratteristiche che, nel contesto in cui vive, gli permettono di far fronte alle difficoltà, ai pericoli o semplicemente agli imprevisti. Sopravvive chi si adatta, chi non rimane rigidamente statico ma, nel fluire inesorabile della vita, sa evolversi, cambiare, sfruttare le risorse proprie e dell’ambiente.
Sopravvive non il migliore in assoluto, ma il più adatto.
Il segreto della vita è forse dunque nell’evoluzione, nel cambiamento, nella incessante trasformazione?
Niente è statico, tutto lentamente si trasforma ed evolve.
Se si considera poi il concetto di resilienza, cioè la capacità di rialzarsi, ricominciare dopo un evento o un periodo negativo, senza abbattersi, ma trovando in se stessi le risorse per affrontare  e superare i momenti di difficoltà, risulta chiara la connessione tra questa e la capacità di adeguarsi all’ambiente, sopravvivendo. E’ la teoria darwiniana applicata alla psicologia.
Il concorso si esplica in due sezioni:
La PRIMA SEZIONE consiste nella stesura di un racconto ispirato al tema dell'evoluzione; i racconti possono trattare qualsiasi argomento, ma devono trarre ispirazione dalla tematica intesa nel suo intendimento e significato scientifico.
La SECONDA SEZIONE consiste nella elaborazione di un disegno (a colori o in bianco e nero)  ispirato al tema dell'evoluzionee; i disegni possono trattare qualsiasi argomento, ma devono trarre ispirazione dalla tematica intesa nel suo intendimento e significato scientifico.
I primi venti racconti e almeno i primi cinque disegni saranno raccolti in una pubblicazione della Firenze University Press. L’elaborato grafico vincitore del primo premio verrà utilizzato come copertina della pubblicazione. L'associazione Amici di Sara lapi assegnerà dei premi per gli studenti classificatisi ai primi tre posti del concorso per ognuna delle due sezioni  e per la scuola che avrà prodotto il maggior numero di elaborati per ognuna delle due sezioni in concorso.

Ultimo aggiornamento: Lun, 13/11/2017 - 11:39