Osmannoro, inaugurato lo sportello InSiDe: integrazione, informazione, legalità con un servizio innovativo rivolto a cittadini e imprese

Pubblicato
Data di scadenza
comune sesto fiorentino

È stato inaugurato questa mattina lo sportello In.Si.De Osmannoro, il nuovo servizio promosso dai Comuni di Sesto Fiorentino, Firenze e Campi Bisenzio, da AUSL Toscana Centro e dalla Regione Toscana, rivolto a imprese e cittadini insediati nell’area.
Il progetto, di cui il Comune di Sesto Fiorentino è capofila, e finanziato per quasi due terzi dalla Regione Toscana, prevede l’attivazione di uno sportello con operatori formati alla mediazione culturale e linguistica al quale ci si può rivolgere per informazioni su certificati e documenti, cittadinanza, ricongiungimento familiare, scuola, attività produttive, pratiche edilizie, servizi di orientamento alle associazioni di categoria e sindacali.
L’ufficio, situato in via della Cupola 64 sul territorio di Firenze, sarà aperto il martedì e il giovedì dalle 8,30 alle 12,30 e dalle 13 alle 16; il mercoledì dalle 8,30 alle 12,30 e dalle 13 alle 15; la fase di sperimentazione durerà 10 mesi e impiegherà personale sinofono.
All’inaugurazione hanno partecipato, tra gli altri, Wang Fuguo, Console Generale della Repubblica Popolare Cinese, il sindaco di Sesto Fiorentino, Lorenzo Falchi, l’assessore al sociale del Comune di Campi Bisenzio Campi Bisenzio, Luigi Ricci, l’assessore regionale Vittorio Bugli, il direttore del dipartimento di prevenzione dell’AUSL Toscana Centro Renzo Berti, e Lucia De Siervo per la direzione Attività economiche, Turismo, Lavoro del Comune di Firenze.
“Il servizio che inauguriamo oggi risponde ad un’esigenza forte di tutta l’area dell’Osmannoro, a cavallo tra tre comuni e caratterizzata da una serie di problemi che vanno affrontati in maniera organica e innovativa - afferma il sindaco Lorenzo Falchi - Con InSiDe offriamo ai cittadini e alle imprese uno strumento di contatto con le tre Amministrazioni, favorendo l’inserimento sociale, l’integrazione e la prevenzione delle situazioni di illegalità. Una particolare attenzione, a cominciare dal ricorso ad operatori bilingue italiano-cinese, è rivolta alla Comunità cinese, una delle presenze più importanti e radicate nell’area, insieme alla quale abbiamo iniziato un fruttuoso percorso di collaborazione”.
“Sicurezza vuol dire molte cose - osserva l’assessore Bugli - Vuol dire controlli, impegno contro la criminalità. Ma vuol dire anche integrazione, informazione, decoro urbano, cultura e impegno civico. Lo sportello informativo InSiDe, che inauguriamo questa mattina all’Osmannoro e resterà aperto per i prossimi dieci mesi, è il sesto progetto pilota sulla sicurezza finanziato dalla Regione Toscana. I sei progetti saranno anche la base per la discussione dei tavoli tematici dell’evento partecipativo per la sicurezza che organizzeremo il prossimo 14 aprile”.

Ultimo aggiornamento: Lun, 12/03/2018 - 15:40