Sportello Inside Osmannoro, già 120 i contatti allo sportello. “Nella fiducia la risposta alla domanda di sicurezza”

Pubblicato
Data di scadenza
comune sesto fiorentino

Quasi 120 contatti registrati in un mese e mezzo di attività, con richieste di informazioni che non hanno riguardato solo i servizi, ma anche aspetti e informazioni della vita quotidiana: è positivo il primo bilancio del funzionamento dello sportello Inside Osmannoro, inaugurato lo scorso 12 marzo e promosso dai Comuni di Sesto Fiorentino, Firenze e Campi Bisenzio, da AUSL Toscana Centro e dalla Regione Toscana.
Sono stati 117 le persone, per la stragrande maggioranza di nazionalità cinese, che si sono rivolte all’ufficio di via della Cupola per ricevere assistenza e informazioni non solo riguardanti servizi demografici o per stranieri, ma anche per conoscere le opportunità e le forme di sostegno offerte dalle Amministrazioni comunali.
“Il dato più importante che emerge è che siamo riusciti a interpretare un bisogno reale - osservano gli assessori Massimiliano Kalmeta e Camilla Sanquerin del Comune di Sesto Fiorentino, capofila del progetto - Le richieste hanno riguardato sia i servizi di base, ma anche problemi della vita quotidiana, come i vaccini, l’assistenza sanitaria, l’accesso a bonus e forme di sostegno economico. Il nostro obiettivo era quello di costruire un ponte tra la PA e i cittadini cinesi residenti nei nostri comuni, contribuendo ad abbattere distanze e muri di diffidenza che, anche nel recente passato, hanno creato non poche difficoltà”.
“È una risposta anche alla domanda di sicurezza per l’area dell’Osmannoro, per costruire la quale è imprescindibile la creazione di un rapporto di fiducia e un approccio di tipo culturale - proseguono - Ora dovremo seguire con attenzione l’evoluzione del progetto, analizzando i dati che emergeranno e valutando possibili filoni di sviluppo, puntando a realizzare l’integrazione attraverso la collaborazione con realtà culturali e sportive e la riqualificazione urbana di una zona caratterizzata da una forte vocazione produttiva”.

Ultimo aggiornamento: Gio, 10/05/2018 - 18:38