connessioni

Connessioni

Connessioni - Creare connessioni contro il cyberbullismo

Connessioni è un progetto finanziato dalla Fondazione Marchi e ha l'obiettivo di creare una inconsueta comunità educante, composta da biblioteche comunali e scuole della zona Nord Ovest dell'area metropolitana di Firenze. Lavora al contrasto del cyberbullismo senza distinzione tra spazi pubblici e spazi online e connettendo l'ambiente formale a quello non formale. Intende offrire agli studenti l'opportunità di aprire il proprio spazio di azione e realizzare veri e propri eventi di sensibilizzazione che superino i confini della classe e influenzino l'intera società civile.

Il partenariato è composto da:
 - Comune di Sesto Fiorentino - Biblioteca Ragionieri (capofila)
 - Comune di Campi Bisenzio - Biblioteca Tiziano Terzani
 - Comune di Calenzano - Biblioteca Civica
 - Comune di Signa - Biblioteca Comunale
 - I.S.I.S. “Anna Maria Enriques Agnoletti” di Sesto Fiorentino
 - I.S.I.S. “Anna Maria Enriques Agnoletti” di Campi Bisenzio
 - Istituto Comprensivo Statale Signa
 - Supporto esterno: Coop Sociale Macramè

Il progetto intende contrastare il fenomeno del bullismo dentro e fuori della scuola, sia diretto con forme di prevaricazione personale sia condotto tramite strumenti informatici.
Le biblioteche comunali e le scuole coinvolte intendo farsi promotrici di una nuova educazione digitale, volta allo sviluppo di una maggiore conoscenza del fenomeno e di un linguaggio condiviso su media, nuovi media e nuove tecnologie di comunicazione, con particolare attenzione a quelli di maggiore diffusione tra i ragazzi (social network, blog, forum, ecc) per favorire la comprensione di regole, linguaggi e modelli di comunicazione.

Si vuole aumentare la consapevolezza rispetto a vantaggi e rischi connessi alla fruizione di contenuti e strumenti “virtuali” e fornire strumenti per un uso sicuro dei nuovi media da parte dei ragazzi e delle ragazze, promuovendo pratiche e comportamenti utili ad un loro uso consapevole e critico; affermare il concetto di media come “Spazio Pubblico” che deve essere vissuto con responsabilità.

Inizialmente verranno sviluppate le Connessioni, tra i diversi istituti/enti per sensibilizzare docenti, operatori delle biblioteche, volontari e studenti degli istituti sui temi del progetto e favorire il loro coinvolgimento nelle attività formative successive, promuovere sinergie e collaborazioni sul territorio e condividere strumenti e buone pratiche.
Successivamente verrà lanciata l'azione Insegnanti 2.0, un ciclo di incontri formativi per aumentare le competenze degli insegnanti sul mondo delle nuove tecnologie, con particolare riferimento all’uso da parte degli adolescenti di social network e applicazioni, e ad alcuni fenomeni come cyberbullismo, sexting e hate speech; sensibilizzare gli operatori e i volontari delle biblioteche sulle tematiche del progetto; creare una rete di operatori del mondo giovanile sensibile alle tematiche del progetto.

Nei primi mesi del 2020, il progetto andrà in aula con l'azione Upgrade, un percorso laboratoriale per 25 studenti di ciascuna scuola coinvolta, per riflettere sui propri comportamenti online partendo dalle esperienze personali e promuovere maggiore consapevolezza e responsabilità.

Con l'azione Influencer, si vuole invece promuovere l’utilizzo dei social come strumenti di cambiamento sociale. La conclusione del percorso formativo porterà i partecipanti a incontrare esperti di comunicazione online e creativi scelti dal gruppo: igers, youtuber, influencer, blogger, ecc. e assieme agli operatori i giovani sceglieranno il messaggio o la tematica su cui promuovere un cambiamento, rifletteranno sullo strumento più utile per comunicare (video, immagini, testi, ecc), decideranno i social su cui veicolarlo (instagram, youtube, tiktok, facebook, whatsapp, ecc) e creeranno la campagna online (grafica, montaggio, post, musiche, ecc).

Nella fase conclusiva detta Community verranno organizzati dagli stessi giovani coinvolti nella formazione, 4 incontri di restituzione, uno per ogni biblioteca/scuola coinvolta, con le famiglie e gli insegnanti e la cittadinanza, Verranno creati 4 scaffali tematici permanenti nelle biblioteche con materiali e libri su cyberbullismo, sexting, relazioni online, ecc.,
E verrà lanciata la campagna di comunicazione ideata dai ragazzi: Infine avrà luogo un evento finale presso la biblioteca del Comune di Sesto Fiorentino, un silent party con un DJ scelto dai partecipanti. L’idea di portare la musica in biblioteca rispettando l’ambiente e il luogo è un modo per continuare il percorso con i ragazzi e i cittadini su come riuscire a far convivere bisogni e gusti musicali diversi.